Sezione: Ultime Notizie

Nelle ultime 24 ore 1.071 positivi, 3 morti,meno ricoveri in terapia intensiva.

Non si ferma l’impennata di contagi da coronavirus in Italia: sono 1.071 i nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore in Italia. Era dal 12 maggio, cioè da prima della riapertura di bar, negozi e ristoranti, che non si superava quota mille. Sono 3 i morti, dato in calo a fronte dei 9 registrati venerdì. Tornano a salire pure i tamponi: ne sono stati effettuati 77mila, oltre 5mila in più rispetto a ieri. 13.886 solo in Veneto, quasi 13mila in Lombardia e 7.792 nel Lazio. Proprio qui, confermano i dati del ministero della Salute, in queste ore si registra il maggior rialzo di casi (+215).

Sottolinea l'assessore regionale alla Sanità D'Amato: "Legati prevalente ai casi con link dalla Sardegna 45%. Sono in prevalenza giovani e asintomatici. In questa fase il tema non sono nè le ospedalizzazioni, nè le terapie intensive che sono assolutamente sotto controllo e non danno alcuna preoccupazione" "Non sentitevi invincibili - insiste D'Amato - perchè il virus è subdolo e può creare seri problemi a voi e i vostri cari.

Il record di nuovi casi dall'inizio dell'epidemia nel Lazio. Oggi se ne contano 215 (con zero decessi), di cui il 61% sono link di rientro. Il precedente record era 208, registrato addirittura il 28 marzo. "Oggi è record di positivi - Alessio D'Amato - mai così tanti, legati prevalente ai casi con link dalla Sardegna 45% (97 casi). Sono in prevalenza giovani e asintomatici.