Sezione: Diabetologia

Non basta il farmaco per curare il diabete

Bisogna "cambiare" il diabete e il modo di gestirlo. Consapevoli i 21 paesi alleati di International Diabetes Federation (IDF) e di Novo Nordisk che insieme hanno inaugurato il primo incontro del Changing Diabetes Barometer in Italia, a Roma. "Se non possiamo "misurare" il diabete, allora non lo possiamo gestire", dice Lars Rebien Sorensen, presidente di Novo Nordisk. "Barometer" è più di una visione condivisa del problema, è uno strumento pratico di conoscenza e misurazione dei risultati raggiunti e dei progressi che si otterranno. "Non è più tempo di fare da soli", sottolinea Massimo Massi Benedetti, vice presidente di IDF e presidente del Comitato consultivo del Changing Diabetes Barometer Forum, "dobbiamo essere coinvolti tutti nel processo di cambiamento culturale, urgente per fronteggiare questa malattia che in silenzio porta a gravissime complicanze e pesa sui sistemi economia dei paesi".

É in gioco non solo la salute del 6% della popolazione adulta mondiale, percentuale che entro il 2025 guadagnerà  quasi un punto e mezzo, ma l'aspettativa di vita dei nostri ragazzi che potrebbe diventare più breve proprio a causa del diabete.L'obiettivo principale di "Barometer è il monitoraggio dei trattamenti con particolare riguardo alla relazione tra .qualità  delle cure, riduzione delle complicanze e costi socio-economici. E stato dimostrato che un migliore controllo della glicemia può ridurre i costi dell'assistenza sanitaria del 13% e che la diagnosi precoce comporta una contrazione ulteriore del 21%. La Banca mondiale stima che i costi diretti del diabete correlati alle complicanze (cecità , insufficienza renale, amputazioni...) che si manifestano dopo 12-14 anni di malattia, nei singoli paesi assorbono dal 2,5 al 15% dei bilanci annuali per l'assistenza sanitaria. I costi indiretti non sono meno onerosi. Le risorse dei singoli paesi non sono illimitate, in moltissimi casi (Africa, India, America Latina) l'accesso alle cure è insufficiente, talvolta inesistente. Per questo è importante educare la popolazione e organizzare iniziative per promuoverestili di vita finalizzati a migliorare l'alimentazione e a incentivare l'attività  fisica. Un miliardo di persone nel mondo sono sovrappeso di essi almeno 312 milioni sono obesi.

"L'obesità  infantile è diventato un problema", rilevaRenata Lorini, presidente della Società  italiana di endocrinologia, "l'Italia è al primo posto nella classifica europea insieme a Spagna e Grecia: tra i 7 e gli n anni un terzo dei bambini è obeso o in sovrappeso, e il 70% di questi probabilmente lo sarà  anche da adulto". "Barometer" ha tra le priorità  quella di attuare la prevenzione primaria perchè l'8o% dei casi di diabete di tipo 2 può essere vinto con il controllo alimentare e il movimento - 30 minuti al giorno di camminata sostenuta riducono del 60% la comparsa di diabete nei soggetti a rischio. "Lo studio DAWN avviato da Novo Nordisk e IDF condotto in il paesi ha evidenziato che esistono importanti barriere di comunicazione tra media e pazienti e tra gli stessi operatori", sottolinea Marco Comaschi, past president dell'Associazione media diabetologi. Non basta il farmaco per curare il diabete, è necessario che il medico di famiglia o lo specialista si prendano cura del paziente spiegando la malattia e le gravi conseguenze che derivano dal "trasgredire" le regole.