Sezione: Analgesia

La codeina non è calmante del dolore come la morfina.

La codeina è un alcaloide secondario dell'oppio (Papaver somniferum): si ottiene come prodotto secondario nella preparazione della morfina, a cui è molto simile strutturalmente, ma meno tossica e con minore attività  analgesico-narcotica. Si presenta sotto forma di cristalli grossi, incolori o quasi di sapore lievemente amaro.
La codeina è contenuta nell'oppio nella dose dello 0,50%. Non è calmante del dolore come la morfina: è dotata invece di una notevole azione sedativa della tosse, mentre presenta una bassa tossicità . Al contrario dell'oppio, che da stitichezza, la codeina in dosi elevate può provocare diarrea. Le dosi da adoperarsi sono di 1-2 al massimo 5 cg per volta, 4 volte al giorno. Si trovano in commercio molti preparati, come sciroppo, pastiglie e polveri, contenenti codeina. Viene facilmente assorbita ed escreta dai reni; la sua azione agisce deprimendo i centri interessati senza influire sensibilmente sui centri della respirazione.